Raddoppio ferroviario, al lavoro per proporre a RFI un progetto concreto pensato nel rispetto dei territori e secondo criteri di economicità e ragionevolezza

Il sindaco Giorgio De Luca ha incontrato il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri: “Stiamo ragionando su un progetto concreto che sposti il tracciato nella zona dell’Interporto. La Regione è dalla parte dei cittadini e ci accompagnerà in questo percorso condiviso per chiedere la modifica del progetto"

Data di pubblicazione:
02 Febbraio 2022
Raddoppio ferroviario, al lavoro per proporre a RFI un progetto concreto pensato nel rispetto dei territori e secondo criteri di economicità e ragionevolezza

“In merito al progetto di raddoppio della linea ferroviaria Pescara-Roma, da tempo, a Manoppello, sulla scorta delle diverse ipotesi progettuali alternative possibili - ha detto il sindaco Giorgio De Luca - stiamo ragionando su una proposta concreta che da un lato risponda alle istanze dei cittadini e della cittadine evitando demolizioni e paesi divisi dai binari, depauperati e con problemi di sicurezza; e dall’altro consenta all’opera di proseguire subito il suo iter realizzativo, così da unire l’Adriatico e il Tirreno grazie ad una infrastruttura moderna, sostenibile e accolta con favore dalle comunità.

Tale proposta, che parte dal presupposto di spostare il tracciato in area Interporto, è stata sottoposta all’attenzione della Regione Abruzzo, grazie alla mediazione del Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri e rappresenta, a nostro avviso, uno strumento utile per ragionare su un tracciato alternativo e connesso alle esigenze dei territori.

Sentiti i colleghi amministratori e tutti gli attori in campo, anche grazie al supporto della Regione, il Comune di Manoppello – ha concluso il primo cittadino - invierà la proposta a Rfi nell’ambito della procedura di dibattito pubblico, in attesa dell’incontro in programma a Pescara il 9 febbraio con i vertici di Rete Ferroviaria Italiana.

Manoppello c’è, per chiedere ragionevolezza e dialogo, ma anche per proporre soluzioni concrete che credo possano essere studiate insieme e discusse al tavolo operativo che vede insieme Comuni ed enti sovracomunali”.

Ultimo aggiornamento

Martedi 08 Marzo 2022