Immagine non trovata

Si pubblica la nota, a firma della Prof.ssa Alessandra Petaccia, sulla tecnologia a sostegno della didattica.

"E’ ormai ben chiaro: nessuno di noi avrebbe mai immaginato di vivere il particolare momento storico che ormai, da diversi mesi, sembra caratterizzare la vita dell’uomo comune.
Eppure, se ci si alza al mattino, il sole sorge radioso ed imponente, illumina i campi, tramonta e scompare, lasciando il posto alla grandiosità del Creato, alle stelle e alla luna, il tutto imprigionato in quella cornice di boccacciana memoria che sa di una normalità che oggi ci appare sconcertante, inafferrabile e bramata da grandi e piccini…
La ricerca della quotidianità, dei sapori, degli odori, del confronto e del contatto umano mai come ora sono stati al centro dell’esistenza dell’immaginario collettivo e di una comunità che si unisce nel rispetto dell’altro, della solidarietà comune e della forza di un Paese che, reduce dalle due guerre mondiali, sa che può farcela, e che si educa, pertanto, alla cittadinanza attiva. Ed è proprio all’interno della comunità educante al vivere civile che, l’agente di formazione e di socializzazione più importante, che è la scuola, continua a perseguire il compito sociale e formativo di “fare scuola anche a distanza”, cercando di mantenere vivo il senso di appartenenza non solo di classe , ma anche di intera comunità scolastica. In merito a ciò, l’IC di Manoppello, seppur consapevole che la scuola a distanza non può sostituire la relazione educativa in aula in cui docenti ed alunni comunicano non solo con le parole, ma anche con la prossemica e l’incontro psicologico delle menti, ha attuato misure eccezionali che hanno reso la sospensione forzata di queste settimane, un’istituzionalizzazione quotidiana di ciò che si realizzava in classe, in quanto le attività a distanza non hanno rappresentato “un’emergenza da tamponare”, ma azioni da rimodulare facilmente, in virtù di una pregressa formazione digitale che gran parte del corpo docente della Scuola Secondaria di primo grado ha perseguito da diverso tempo. Non a caso, nel plesso di Lettomanoppello, già dal 2016, grazie al supporto della Dirigente Scolastica, prof ssa Fabrizia Gabriella Di Berardino, della Responsabile della Funzione Strumentale Area sei,”Coordinamento nuove tecnologie a sostegno della didattica” Prof ssa Cinzia De Luca e della collaborazione della prof ssa Maria Grazia Martelli, è stata attuata la Piattaforma Gsuite for Education, ed estesa, attualmente, a tutte le classi dei plessi della Scuola Secondaria dell’IC di Manoppello, i cui docenti si sono formati partecipando a diversi corsi. Settimane digitali, progetti in rete, riconoscimenti nazionali e regionali, inoltre, attuati attraverso la digitalizzazione e la dematerializzazione del sapere hanno affiancato la didattica tradizionale all’interno delle classi, iniziando a sedimentare i germogli della tecnologia e della digitalizzazione nei ragazzi.
La coesione, la sensibilizzazione, l’etica sociale e morale di tutti i docenti della Scuola secondaria di primo grado hanno fatto sì che quanto decantato sia dal Decreto legge n 6 del 23/02/2020, sia dal DPCM 8 marzo 2020, sia dalla nota M.I. n.388 del 17 marzo 2020, che riguardano rispettivamente le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza COVID-19 e la rimodulazione ed il riesame delle progettazioni sulla base delle nuove attuali esigenze in relazione alla diffusione della pandemia in essere, fosse cosa, in gran parte, già fatta.
Non a caso, le attività proposte in modalità asincrona attraverso l’utilizzo delle sezioni Materiale didattico/Collabora/Classroom hanno permesso la consegna e riconsegna dei compiti assegnati con conseguente feedback, mentre quelle svolte in modalità sincrona (Gsuite for Education con applicazione Meet) hanno permesso, attraverso le video lezioni, di “accorciare” la distanza spazio-temporale tra l’insegnante e l’alunno, permettendo il contatto, seppur virtuale, tra i medesimi, i quali, allo stesso modo, hanno vissuto tale esperienza con emozione e impazienza.
Anche nella Scuola Primaria dei tre plessi, in un’ottica di continuità educativa tra i diversi ordini di scuola, si sta avviando sia l’utilizzo della Piattaforma Gsuite for Education (Meet) per lo svolgimento di videolezioni, sia l’utilizzo di Classroom (Stream) per l’inoltro e la restituzione del materiale didattico. Tali metodologie didattico-educative a distanza, svolte in modalità sincrona ed asincrona, dunque, promuovono il raccordo curricolare tra i diversi ordini di scuola.
In merito a quest’ultimo punto, anche la Scuola dell’Infanzia dei tre plessi sta attuando strategie didattico-metodologiche volte soprattutto alla gestione ed al monitoraggio dei rapporti affettivo-relazionali che, nel diffondersi di questa pandemia, presentano criticità e caratteristiche singolari soprattutto per i bambini in età prescolare.
E’ da sottolineare anche il “mettersi in gioco” dell’intero corpo docente, il quale, spinto non solo da etica professionale, ma anche da affetto ed empatia nei confronti dei propri alunni, seguendo un calendario prestabilito, si è calato nei panni del “presentatore verosimile”, facendo dello schermo del proprio computer il mezzo e lo strumento per mantenere vivo il fine pedagogico e puerocentrico che è alla base del vivere la professionalità docente.
Forte è stato anche il supporto psicologico e pedagogico del corpo docente, il quale ha realizzato un video dal titolo “Andrà tutto bene”, postato sulla pagina del sito della scuola, simbolo del grido di rassicurazione e di sostegno dei docenti.
Siamo stati, dunque, proprio noi insegnanti, guidati e supportati dalla nostra Dirigente Scolastica, a dare il meglio di noi stessi, in linea non solo con la passione che muove le fila della nostra professionalità, ma anche e soprattutto in nome del rispetto dei nostri alunni".

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 14 Ottobre 2020